Opinioni in Corso's Blog

Turbinio di Pensieri Scomposti

Blackr – Cerca e risparmia energia

4 Comments


Logo di Blackr

Blackr – Cerca e risparmia energia.

Per chi non lo conoscesse, Blackr è un motore di ricerca ecologico, nel senso che grazie alla sua interfaccia con sfondo nero, riduce sia lo stress visivo che i consumi in termini di watt prodotti dallo sfondo bianco.  La cosa bella sta nel fatto che è totalmente italiano anche se basa le sue ricerche su Google Co-Op con cui è stato realizzato il motore di ricerca. Personalmente ho settato la pagina iniziale con Blackr per due motivi, quello ambientale perchè mi sta molto a cuore l’ambiente e ritengo che i piccoli gesti aiutino, l’altro perchè ultimamente Google mi ha dato non pochi problemi in fatto di reindirizzamento.

Magari sarà capitato anche ad altri di ritrovare sotto i risultati della pagine di Google indirizzi che poco o nulla hanno a che fare con ciò che si sta cercando. Probabilmente, uno spyware che non sono stato in grado di trovare, ma che mi ha permesso di testare quanto le comunicazione, da parte degli utenti, siano ben recepite dal motore di ricerca più conosciuto al mondo. Infatti le mie sollecitazioni non sono state minimamente ascoltate. Whatever.

A questo punto sono molto più contento di usare Blackr, della cui scoperta però devo dare atto a Google, che fa sentire me, la mia coscienza e i miei occhi in pace con il mondo.

Sfido nuovamente una persona a dire che “non si può guardare” (N.d.I.)

Advertisements

Author: Opinioni in corso

Dissertatore Presenzialista. Docente di Lettere e Media victim. Appassionato di social web e blogging.

4 thoughts on “Blackr – Cerca e risparmia energia

  1. No…è una figata! Poi sii più preciso…perchè dovrebbe essere una bufalona?

  2. Io sono sempre stato convinto che fosse una bufalona per questo motivo: gli schermi LCD, al contrario di quelli a tubo catodico (CRT), consumano per il solo fatto di essere accesi (ed avere quindi la retroilluminazione attivata). Infatti per gli LCD NON cambia il consumo in base ai colori che hanno a schermo. I CRT invece illuminano i singoli pixel consumando di più quando sono accesi (bianco) rispetto a quando sono spenti (nero). Solo che ormai la maggior parte dei monitor è del primo tipo. Questo significa che non cambia niente da un Google bianco ad un Google nero in termini di consumo. E c’è sempre iGoogle che può essere personalizzato e reso full black se il problema è rilassare la vista!
    Ciao!

  3. http://www.blackr.it/faq.php

    Questa non è una campagna anti-google attenzione! Esprimo solo la mia preferenza verso un mezzo alternativo a Google ma che in fondo se ne serve, e poi per un senso patriottico tutto Italiano. Onestamente mi convincono. Grazie per le critiche.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s